Tipologia vini

Bianchi

Rossi

Rosati

Spumanti

Certificati

Vegan

Allergen Free

PVPP

Stabilizzante ideale per prevenire o correggere gli inconvenienti dovuti ai processi ossidativi che si possono verificare nel corso della vinificazione e, soprattutto, della conservazione dei vini.
Il PVPP (polivinilpolipirrolidone) è uno stabilizzante ampiamente utilizzato nell’industria vinicola per prevenire o correggere i problemi legati all’ossidazione e alla conservazione dei vini. Alcune delle sue principali caratteristiche e azioni:
  • Adsorbimento dei polifenoli flavanici: il PVPP ha la capacità di adsorbire i polifenoli flavanici, come le catechine ed epicatechine, che sono tra le sostanze responsabili dei fenomeni di ossidazione e maderizzazione nei vini bianchi e rosati. Questo contribuisce a prevenire l’imbrunimento e i difetti legati all’ossidazione;
  • Miglioramento di fragranza, aroma e gusto: l’uso di PVPP può migliorare la fragranza, l’aroma e il gusto del vino. Rimuovendo l’eccesso di polifenoli che possono causare ruvidezza ed astringenza, il vino diventa più equilibrato e piacevole al palato. Questo può contribuire a esaltare le caratteristiche organolettiche positive del vino;
  • Senza effetti negativi: il PVPP è apprezzato per il fatto che, nonostante la sua azione di rimozione dei polifenoli, non conferisce alcun off-flavor o difetto al vino. In altre parole, il PVPP aiuta a correggere i problemi legati all’ossidazione senza introdurre nuovi difetti sensoriali;
  • Assenza di allergeni: il PVPP è privo di allergeni, il che è importante per garantire la sicurezza alimentare e rispondere alle esigenze dei consumatori con allergie o intolleranze.

100% polivinilpolipirrolidone in polvere.

20-50 g/hl nei mosti e nei vini bianchi e rosati;
10-40 g/hl come detannizzante nei vini rossi;
80 g/hl dose massima legale.

Il PVPP può essere aggiunto al mosto prima o durante la fermentazione, oppure al vino in ogni fase del processo di lavorazione, purché prima dell’ultima filtrazione. Può essere usato insieme ai più comuni chiarificanti, senza interferire con la loro azione.
Stemperare PVPP in acqua in rapporto 1:10, lasciar riposare per 2-3 ore prima di aggiungere alla massa in fase di rimontaggio.
Usare eventuali altri chiarificanti dopo mezz’ora dall’aggiunta di PVPP.

Sacchetto da 1 kg, fusto da 20 kg.
Conservare in un luogo fresco ed asciutto.
Teme l’umidità.

Il PVPP (polivinilpolipirrolidone) è uno stabilizzante ampiamente utilizzato nell’industria vinicola per prevenire o correggere i problemi legati all’ossidazione e alla conservazione dei vini. Alcune delle sue principali caratteristiche e azioni:
  • Adsorbimento dei polifenoli flavanici: il PVPP ha la capacità di adsorbire i polifenoli flavanici, come le catechine ed epicatechine, che sono tra le sostanze responsabili dei fenomeni di ossidazione e maderizzazione nei vini bianchi e rosati. Questo contribuisce a prevenire l’imbrunimento e i difetti legati all’ossidazione;
  • Miglioramento di fragranza, aroma e gusto: l’uso di PVPP può migliorare la fragranza, l’aroma e il gusto del vino. Rimuovendo l’eccesso di polifenoli che possono causare ruvidezza ed astringenza, il vino diventa più equilibrato e piacevole al palato. Questo può contribuire a esaltare le caratteristiche organolettiche positive del vino;
  • Senza effetti negativi: il PVPP è apprezzato per il fatto che, nonostante la sua azione di rimozione dei polifenoli, non conferisce alcun off-flavor o difetto al vino. In altre parole, il PVPP aiuta a correggere i problemi legati all’ossidazione senza introdurre nuovi difetti sensoriali;
  • Assenza di allergeni: il PVPP è privo di allergeni, il che è importante per garantire la sicurezza alimentare e rispondere alle esigenze dei consumatori con allergie o intolleranze.

100% polivinilpolipirrolidone in polvere.

20-50 g/hl nei mosti e nei vini bianchi e rosati;
10-40 g/hl come detannizzante nei vini rossi;
80 g/hl dose massima legale.

Il PVPP può essere aggiunto al mosto prima o durante la fermentazione, oppure al vino in ogni fase del processo di lavorazione, purché prima dell’ultima filtrazione. Può essere usato insieme ai più comuni chiarificanti, senza interferire con la loro azione.
Stemperare PVPP in acqua in rapporto 1:10, lasciar riposare per 2-3 ore prima di aggiungere alla massa in fase di rimontaggio.
Usare eventuali altri chiarificanti dopo mezz’ora dall’aggiunta di PVPP.

Sacchetto da 1 kg, fusto da 20 kg.
Conservare in un luogo fresco ed asciutto.
Teme l’umidità.

Valuta anche queste alternative:

per un maggiore effetto nell’eliminazione dei fenoli ossidati

Ti aiutiamo a sviluppare la tua idea.

Parlane con noi

Scrivici all’indirizzo info@essedielle.com
oppure compila il modulo.

Cerca prodotti