OIV: analisi dei dati sull’annata vitivinicola mondiale del 2022

06/06/2023

L’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV) ha presentato il suo atteso report annuale intitolato “State of the World Vine and Wine Sector“. In qualità di massima autorità nel settore vitivinicolo globale, l’OIV offre un’analisi dettagliata delle condizioni che hanno caratterizzato l’industria nel corso dell’annata vitivinicola 2022.

Il rapporto si focalizza su quattro pilastri chiave che definiscono l’industria del vino: la superficie vitata, la produzione di vino, il consumo e il commercio internazionale. Attraverso un’analisi approfondita di tali aspetti, il rapporto fornisce un quadro completo delle tendenze, delle sfide e delle opportunità che hanno influenzato l’industria vinicola nel corso dell’anno.

Superficie dei vigneti

Gli esperti hanno stimato la superficie viticola mondiale nel 2022 a circa 7,3 milioni di ettari (mha), registrando una leggera diminuzione dello 0,4% rispetto all’anno precedente. Questa cifra include le vigne destinate alla produzione di vino, succhi, uva da tavola e uva secca, comprese le giovani viti non ancora produttive.

Durante il 2022 si sono evidenziati andamenti contrastanti nei principali stati produttori di uva. Moldavia, Turchia, Spagna, Argentina e Stati Uniti hanno ridotto le loro superfici vitate, mentre Francia, insieme ad altri importanti produttori come India, Russia e Brasile, ha registrato un aumento. Cina, Italia, Cile e Australia hanno mantenuto superfici stabili.

Nell’Unione Europea, i vigneti hanno raggiunto una certa stabilità, attestandosi a 3,3 mha. La Spagna è il paese con il vigneto più esteso al mondo (955 mila ettari), seguita da Francia (812 mila ettari) e Italia (718 mila ettari).

Al di fuori dell’UE, la Moldavia continua a ridurre la superficie dei vigneti, mentre la Russia ha registrato un aumento per il quinto anno consecutivo. La Cina ha sperimentato una decelerazione nella crescita del suo vigneto, mentre gli Stati Uniti hanno continuato a ridurre la superficie a causa della sovrapproduzione di uva in California.

L’Argentina ha ridotto la superficie vitata a causa di fattori climatici, mentre il Cile è rimasto stabile e il Brasile ha registrato un aumento. In Sudafrica, una grave siccità ha causato una diminuzione della superficie vitata tra il 2015 e il 2017. La superficie vitata australiana è rimasta stabile (146 mila ettari).

In sintesi, la superficie viticola mondiale nel 2022 è rimasta stabile, con variazioni significative nei principali paesi produttori.

Produzione

Nel 2022 gli esperti hanno stimato la produzione mondiale di vino a 258 milioni di ettolitri (mhl), registrando una diminuzione di quasi 3 mhl (-1%) rispetto al 2021. Questo calo è stato causato da un raccolto superiore alle aspettative in Europa e negli Stati Uniti, nonostante la siccità e le ondate di calore durante la primavera e l’estate, e da una produzione media nell’emisfero meridionale. Nel complesso, le condizioni di siccità e caldo in diverse regioni del mondo hanno portato a vendemmie anticipate e volumi medi.

UE

Nell’UE, la produzione vinicola nel 2022 ha raggiunto 161,1 mhl, +4% rispetto all’anno precedente, in linea con la media degli ultimi cinque anni. Durante la stagione di coltivazione del 2022, gli osservatori hanno registrato diversi eventi climatici avversi come gelate primaverili, grandine, eccesso di calore e siccità. Nonostante le preoccupazioni iniziali riguardo alle rese a causa del caldo estremo e della mancanza di precipitazioni, alla fine l’assenza di gravi malattie dell’uva e le piogge di fine estate hanno compensato la situazione, portando a un aumento delle rese.

I tre principali produttori di vino nel mondo sono l’Italia (49,8 mhl), la Francia (45,6 mhl) e la Spagna (35,7 mhl), che insieme rappresentano il 51% della produzione mondiale di vino nel 2022. L’Italia ha registrato una produzione relativamente stabile (-1% rispetto al 2021 e +2% rispetto alla media quinquennale), mentre la Francia ha registrato un significativo aumento (+21% rispetto al 2021 e +7% rispetto alla media quinquennale). La produzione di vino della Spagna si è stabilizzata (+1% rispetto al 2021), ma rimane inferiore del 5% rispetto alla media quinquennale a causa della siccità e della scarsità di acqua in molte regioni.

Altri paesi produttori di vino dell’UE hanno registrato variazioni negative nella produzione: Portogallo (-8% rispetto al 2021), Romania (-19% rispetto al 2021), Ungheria (-6% rispetto al 2021), Austria (-5% rispetto al 2021) e Grecia (-14% rispetto al 2021). In particolare, la produzione di vino in Grecia nel 2022 è stata una delle più basse degli ultimi decenni.

EXTRA UE

Passando fuori dall’UE, la produzione di vino in Russia nel 2022 è aumentata del 4% raggiungendo 4,7 mhl. In Georgia, la produzione di vino nel 2022 è stata di 2,1 mhl, +2% rispetto al 2021 grazie al clima favorevole e alle sovvenzioni governative.

La produzione di vino cinese nel 2022 è scesa del 29% a 4,2 mhl. Negli Stati Uniti, a causa di gelate, siccità e carenza di approvvigionamento idrico, si stima che la produzione di vino nel 2022 sarà di 22,4 mhl, -7% rispetto al 2021 e -9% rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Nel Sudamerica, il Cile ha prodotto 12,4 mhl nel 2022, -7% rispetto al 2021 ma +7% rispetto alla media quinquennale. Si prevede che l’Argentina registrerà una diminuzione nella produzione di vino, che si attesta a 11,5 mhl, -8% rispetto al 2021 e -9% rispetto alla media degli ultimi cinque anni. Il Brasile ha registrato un aumento nella produzione di vino, con un volume di 3,2 mhl (+9% rispetto al 2021 e +14% rispetto alla media quinquennale) grazie a eventi meteorologici associati a La Niña (fenomeno che consiste nel riscaldamento della temperatura superficiale dell’oceano Pacifico centro meridionale e orientale).

Il Sudafrica ha prodotto 10,2 mhl nel 2022, con un calo del 6% rispetto al 2021, ma tornando ai livelli medi pre-siccità del 2015.

In Oceania, l’Australia prevede di produrre 12,7 mhl nel 2022, -14% rispetto al 2021, mentre la Nuova Zelanda ha prodotto 3,8 mhl nel 2022, +44% rispetto al 2021, raggiungendo un livello di produzione di vino da record grazie a condizioni climatiche eccellenti e domanda internazionale elevata.

Consumo

Il consumo mondiale di vino nel 2022 è stimato essere di 232 milioni di ettolitri (mhl), con una diminuzione del 1% rispetto al 2021. Questa diminuzione è dovuta principalmente al calo del consumo in Cina, che ha perso in media 2 milioni di ettolitri all’anno dal 2018. La pandemia ha anche influenzato negativamente il consumo di vino, a causa delle misure di blocco, dell’interruzione del settore della ristorazione e del turismo. Tuttavia, nel 2021, con l’allentamento delle restrizioni, il consumo di vino è aumentato in molti paesi.

Nel 2022, l’UE rappresenta il 48% del consumo mondiale di vino con circa 111 mhl, leggermente inferiore al 2021 e alla media dell’ultimo decennio. La Francia è il maggior consumatore di vino nell’UE, seguita dall’Italia e dalla Germania.

Al di fuori dell’UE, il Regno Unito e la Russia sono i maggiori consumatori di vino in Europa. Nel 2022, negli Stati Uniti, si registra una crescita del consumo di vino del 3% rispetto all’anno precedente, tornando ai livelli pre-pandemici. In Cina, invece, il consumo è diminuito del 16% a causa della diminuzione della domanda interna. Altri mercati importanti includono il Giappone in Asia, l’Argentina in Sud America e l’Australia. Alcuni paesi hanno registrato aumenti di consumo, come il Sudafrica, mentre altri hanno avuto diminuzioni, come il Brasile.

Commercio internazionale

Nel 2022, una serie di fattori ha influenzato complessivamente il commercio internazionale del vino, inclusa la situazione geopolitica, la crisi energetica e le interruzioni nella catena di approvvigionamento. Nonostante una diminuzione del volume del commercio del vino, il valore delle esportazioni globali ha raggiunto un nuovo record di 37,6 miliardi di euro, con un aumento del 9% rispetto al 2021.

L’Italia è stata il principale esportatore di vino nel 2022, seguita da Spagna e Francia. Tuttavia, tutti e tre i paesi hanno registrato una diminuzione nel volume delle esportazioni rispetto al 2021. In termini di valore, la Francia conferma la sua posizione di primo esportatore mondiale, seguita da Italia e Spagna. Questi tre paesi rappresentano il 61% delle esportazioni globali in valore.

Il vino frizzante mostra una crescita notevole in termini di valore, mentre le esportazioni di vino sfuso hanno subito una significativa diminuzione, specialmente per la Francia.

Tra gli altri principali esportatori di vino, il Cile ha registrato una diminuzione del volume delle esportazioni, mentre l’Argentina ha registrato una diminuzione sia del volume che del valore. L’Australia ha registrato un aumento delle esportazioni di vino dopo un anno difficile nel 2021.

Nel 2022, gli Stati Uniti, la Germania e il Regno Unito hanno importato la maggior quantità di vino e sono stati i principali paesi importatori. In particolare, gli Stati Uniti sono il maggiore importatore sia in termini di volume che di valore: hanno aumentato le importazioni in valore del 17% rispetto al 2021, trainate da tutte le categorie tranne il vino sfuso.

Nonostante le sfide, il valore delle esportazioni globali è aumentato, ma a causa dei maggiori costi sostenuti dai produttori e dagli operatori del settore.

 

Per leggere l’intero report, clicca qui

 

Altre news essedielle

Cerca prodotti