Tipologia vini

Bianchi

Rossi

Rosati

Spumanti

Certificati

Vegan

Allergen Free

Bicarbonato di potassio

Disacidificante sia per mosti che per vini finiti.
Il bicarbonato di potassio si presenta sotto forma di cristalli incolori e inodori. È un composto chimico versatile utilizzato principalmente come disacidificante in molteplici settori, compreso quello vinicolo. Le principali applicazioni sono:
  • Disacidificante per mosti e vini: il bicarbonato di potassio è comunemente utilizzato per ridurre l’acidità nei mosti e nei vini finiti. La sua particolarità sta nel fatto che, anche se utilizzato in quantità eccessive, non influisce sulla stabilità del colore né sulle caratteristiche organolettiche del vino. Inoltre, riduce la sensazione pungente causata dagli acidi nella soluzione;
  • Fermentazione malolattica: in situazioni in cui è necessario promuovere la fermentazione malolattica ma il pH del vino è troppo basso, il bicarbonato di potassio può essere utilizzato per disacidificare il vino, favorendo così il processo.

Bicarbonato di potassio (E501) purissimo (FU/BPFCC).

Per l’utilizzo del bicarbonato di potassio bisogna attenersi alle leggi vigenti nella Comunità Europea.
Disacidificazione consentita dalla UE: 1 g/l espresso in acido tartarico pari a 135 g/hl di bicarbonato di potassio.

Addizionare direttamente alla soluzione sotto agitazione.

Sacchetto da 1 kg, sacco da 25 kg.
Conservare in un luogo fresco ed asciutto.

Il bicarbonato di potassio si presenta sotto forma di cristalli incolori e inodori. È un composto chimico versatile utilizzato principalmente come disacidificante in molteplici settori, compreso quello vinicolo. Le principali applicazioni sono:
  • Disacidificante per mosti e vini: il bicarbonato di potassio è comunemente utilizzato per ridurre l’acidità nei mosti e nei vini finiti. La sua particolarità sta nel fatto che, anche se utilizzato in quantità eccessive, non influisce sulla stabilità del colore né sulle caratteristiche organolettiche del vino. Inoltre, riduce la sensazione pungente causata dagli acidi nella soluzione;
  • Fermentazione malolattica: in situazioni in cui è necessario promuovere la fermentazione malolattica ma il pH del vino è troppo basso, il bicarbonato di potassio può essere utilizzato per disacidificare il vino, favorendo così il processo.

Bicarbonato di potassio (E501) purissimo (FU/BPFCC).

Per l’utilizzo del bicarbonato di potassio bisogna attenersi alle leggi vigenti nella Comunità Europea.
Disacidificazione consentita dalla UE: 1 g/l espresso in acido tartarico pari a 135 g/hl di bicarbonato di potassio.

Addizionare direttamente alla soluzione sotto agitazione.

Sacchetto da 1 kg, sacco da 25 kg.
Conservare in un luogo fresco ed asciutto.

Prova anche queste opzioni:

per ottenere una riduzione del contenuto eccessivo di calcio, nonchè una stabilizzazione tartarica

per diminuire l’acidità totale e favorire una precipitazione dei sali poco solubili

Ti aiutiamo a sviluppare la tua idea.

Parlane con noi

Scrivici all’indirizzo info@essedielle.com
oppure compila il modulo.

Cerca prodotti